Progettare, costruire e valutare la didattica per competenze con le Unità di Apprendimento (UdA)

L’Unità di Apprendimento, UdA, è un elemento chiave della programmazione didattica per la scuola secondaria. Infatti, l’UdA è un insieme di competenze, abilità e conoscenze in cui è organizzato il percorso formativo degli studenti.

Rispetto all’unità didattica classica, l’unità di apprendimento pone al centro lo studente e non le attività svolte dal docente. Inoltre, la programmazione viene personalizzata per obiettivi di apprendimento e rispetto al contesto, per permettere a tutta la classe di acquisire competenze trasversali pratiche e svolgere compiti di vita reale.

Come funziona la programmazione per unità di apprendimento? La definizione dei quadri orari e delle attività è sostituita dalla interdisciplinarietà e dalla personalizzazione del percorso, che va modulato su conoscenze e competenze specifiche e può essere modificato in base ai risultati della valutazione intermedia.

In questo articolo, ti spieghiamo come progettare unità di apprendimento per la scuola secondaria.

Progettazione UdA

Se sei un docente che deve progettare un’unità di apprendimento, ci sono alcune linee guida che puoi seguire per farlo in modo efficace. In primo luogo, è importante considerare se la progettazione dell’UdA avviene a livello di commissione, gruppo di lavoro sulla riforma, dipartimento di asse o interasse, o consiglio di classe. Se la progettazione è a livello di commissione o gruppo di lavoro sulla riforma, potrebbe mancare una personalizzazione dell’UdA rispetto al contesto della classe. Se invece viene curata dal consiglio di classe, l’UdA sarà maggiormente flessibile e vicina ai bisogni specifici degli studenti.

Inoltre, la durata dell’UdA può variare da piccola (12-15 ore con massimo 3 fasi), a media (20-25 ore con massimo 5 fasi), a grande (30-40 ore o più, con minimo 6 fasi e diverse competenze da promuovere).

Esistono inoltre modelli e metodi di riferimento forniti dal MIUR, che possono essere utili per progettare un’UdA interdisciplinare efficace in funzione del percorso formativo degli studenti. Con una pianificazione accurata e una progettazione personalizzata, si può creare un’UdA che promuova l’apprendimento degli studenti e li prepari a svolgere compiti reali nella vita.

Introduzione

In questo modo, si può garantire un percorso di apprendimento personalizzato e adatto alle esigenze degli studenti. Inoltre, è fondamentale prevedere momenti di valutazione intermedia per verificare l’efficacia dell’unità di apprendimento e apportare eventuali correzioni.

Per costruire un’unità di apprendimento efficace, è necessario seguire alcune fasi:

Definizione degli obiettivi di apprendimento e delle competenze da raggiungere
Identificazione del compito di realtà o del tema interdisciplinare
Definizione delle attività e delle risorse necessarie per raggiungere gli obiettivi
Organizzazione del lavoro in fasi e sequenze logiche
Previsione di momenti di verifica e valutazione intermedia
Valutazione finale dell’unità di apprendimento e delle competenze acquisite dagli studenti.
Seguendo queste fasi e tenendo sempre a mente le esigenze degli studenti, è possibile costruire unità di apprendimento efficaci e personalizzate.

Definizione Contenuti e Obiettivi

Una volta individuate le competenze e le conoscenze da promuovere, è necessario definire le fasi e le attività per raggiungere gli obiettivi prefissati.

Le fasi devono essere organizzate in modo sequenziale e progressivo, partendo dalle conoscenze e competenze già acquisite dagli studenti per arrivare alla loro applicazione pratica in un contesto concreto.

Le attività possono essere di diverso tipo: ricerca, lettura, discussioni, simulazioni, esercitazioni, laboratori, progettazioni. È importante che siano varie e coinvolgano gli studenti attivamente, in modo da stimolare la loro motivazione e interesse.

Infine, è fondamentale definire gli strumenti di valutazione dell’unità di apprendimento. La valutazione deve essere continua e inclusiva, ovvero deve prendere in considerazione le diverse modalità di apprendimento degli studenti e le diverse competenze acquisite.

Definire le attività e le strategie didattiche


Nella terza parte della progettazione, è importante definire le attività e le strategie didattiche da utilizzare in ogni fase dell’UdA. Le attività e le strategie didattiche devono essere scelte in modo da garantire una costruzione attiva del sapere da parte degli studenti, favorire il lavoro collaborativo, la ricerca, la sperimentazione e la presentazione dei prodotti finali.
Le attività possono essere di vario tipo, ad esempio: ricerca individuale o di gruppo, esercitazioni, attività di laboratorio, analisi di testi, elaborazione di materiali multimediali, simulazioni, ecc.

Le strategie didattiche invece possono includere: lezione frontale, lavoro di gruppo, peer tutoring, problem solving, brainstorming, ecc.

Prevedere la valutazione


La quarta parte della progettazione riguarda la valutazione. È importante definire gli strumenti e i criteri di valutazione per ogni fase dell’UdA, per valutare le competenze acquisite e il raggiungimento degli obiettivi prefissati.
La valutazione deve essere continua e formativa, cioè deve essere finalizzata a fornire feedback utili agli studenti per migliorare il proprio apprendimento. Inoltre, deve essere congrua rispetto agli obiettivi, alle competenze e ai prodotti finali dell’UdA.

Sperimentare e valutare l’UdA
Infine, la quinta parte della progettazione riguarda la sperimentazione dell’UdA in classe e la valutazione dell’efficacia del percorso formativo. In questa fase è importante raccogliere feedback dagli studenti, valutare l’efficacia delle attività e delle strategie didattiche, verificare il raggiungimento degli obiettivi e delle competenze prefissate e valutare la coerenza tra gli strumenti e i criteri di valutazione e il percorso formativo effettivamente svolto.
In base ai risultati ottenuti, è possibile apportare eventuali modifiche all’UdA per migliorare il processo di apprendimento degli studenti.

Focus importante

La presentazione dell’UdA agli studenti deve essere accompagnata da una spiegazione chiara degli obiettivi, delle competenze e delle conoscenze da raggiungere e dal modo in cui gli studenti saranno valutati.

Inoltre, è importante che gli studenti abbiano la possibilità di partecipare attivamente alla definizione dei compiti di realtà e delle attività, in modo da renderli più motivati e coinvolti nell’apprendimento.

Durante lo svolgimento dell’UdA, i docenti devono monitorare costantemente il lavoro degli studenti e fornire feedback e supporto, nonché eventualmente apportare modifiche alla progettazione in base ai progressi e alle difficoltà riscontrate.

Infine, al termine dell’UdA, è importante effettuare una valutazione globale dell’apprendimento degli studenti e dei risultati ottenuti, in modo da poter apportare eventuali migliorie per le future UdA.

Contattaci

Scrivici un messaggio per avere maggiori informazioni

Dove siamo:

Via Nicola Fabrizi, 117, Pescara

Telefono: 085.9432461- 3756460517